Il Teatro Sociale in Bergamo Alta

Recuperato da poco alla sua funzione originaria dopo decenni di disuso e lenta agonia, che avevano condotto la struttura sull’orlo dell’abbattimento, per lo stato di totale abbandono e rovina, il Teatro Sociale, un tempo simbolo della cultura nella città alta di Bergamo, torna oggi ad ospitare spettacoli ed eventi culturali di vario genere, tra cui mostre, esposizioni e conferenze (tra questi gli appuntamenti di Bergamo Scienza).due
Edificato tra il 1805 e il 1808 su progetto dell’architetto Leopold Pollack, e terminato dal Bottani, il Teatro della Società di Bergamo nacque come contraltare culturale del Teatro Riccardi, che metteva in scena già da qualche decennio opere di successo nella parte bassa della città. Grazie al finanziamento di un gruppo di nobili, che contribuirono alla costruzione ed all’abbellimento della struttura, costituita da una sala a ferro di cavallo e con vari ordini di logge, il Teatro Sociale ospitò spettacoli e artisti tra i migliori del panorama nazionale dell’epoca, attestandosi in breve tra i migliori teatri della penisola.
I tre ordini di palchi, la platea e la galleria erano in grado di ospitare 1300 persone.
Da quando venne inaugurato, la sera del 26 dicembre 1808, con l’opera ‘Ippolita Regina delle Amazzoni’ del maestro Pavesi, il Teatro rimase in funzione, quasi ininterrottamente per più di un secolo, fino al 1929, chiudendo l’attività con il Barbiere di Siviglia di Rossini, per divenire in seguito la sede di feste, veglioni e spettacoli di caratura più modesta.
Nel periodo di massimo splendore, fino al 1850, diversi autori, tra cui Rossini, Bellini e Verdi presentarono al Sociale le loro opere, così come le ‘prime’ di quasi tutte le opere di Donizetti.

un articolo di: M.F.

Post a Comment

Questop sito utilizza i Cookie, le impostazioni dei cookie sono impostate su Consenti Cookie Ulteriori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate su "Consenti cookie" per darvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se si continua a utilizzare questo sito Web senza modificare le impostazioni dei cookie o fai clic su "Accetto" acconsenti a questo. Cookie Policy I cookies sono piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per aiutare il sito a fornire una migliore esperienza utente. In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa, e di fornire dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Come regola generale, i cookie renderanno la vostra esperienza di navigazione migliore. Tuttavia, si può scegliere di disabilitare i cookie su questo sito e su altri. Il modo più efficace per farlo è quello di disabilitare i cookie nel tuo browser. Noi suggeriamo di consultare la sezione della Guida del tuo browser. Più in dettaglio i diversi utilizzi dei cookie sono dunque: Per riempire il carrello della spesa virtuale in siti commerciali (i cookie ci permettono di mettere o togliere gli articoli dal carrello in qualsiasi momento). Per permettere ad un utente il login in un sito web. Per personalizzare la pagina web sulla base delle preferenze dell’utente (per esempio il motore di ricerca Google permette all’utente di decidere quanti risultati della ricerca voglia visualizzare per pagina). Per tracciare i percorsi dell’utente (tipicamente usato dalle compagnie pubblicitarie per ottenere informazioni sul navigatore, i suoi gusti le sue preferenze. Questi dati vengono usati per tracciare un profilo del visitatore in modo da presentare solo i banner pubblicitari che gli potrebbero interessare). Per la gestione di un sito: i cookie servono a chi si occupa dell’aggiornamento di un sito per capire in che modo avviene la visita degli utenti, quale percorso compiono all’interno del sito. Se il percorso porta a dei vicoli ciechi il gestore se ne può accorgere e può migliorare la navigazione del sito.

Chiudi