Caffè del Tasso

Già conosciuto sin dal 1476 come “Locanda delle due Spade” il locale prese la denominazione di “Torquato Tasso Caffè e Bottiglieria” quando, nel 1681, venne eretta nelle vicinanze la statua del sommo poeta Torquato Tasso, autore della Gerusalemme Liberata.
Nel 1849, nel pieno delle guerre risorgimentali, il locale venne colpito da una cannonata austriaca e così riaprì solo dieci anni dopo e vi si riunirono i volontari bergamaschi pronti a seguire Garibaldi nella famosa impresa dei Mille.
Nella seconda metà dell’Ottocento, venne abbellito secondo la cultura neoclassica.
Anche la vecchia denominazione lasciò il posto a quella attuale, più adatta ai nuovi tempi, di “ Caffè del Tasso”.Caffedeltasso-banco
Collocato nel cuore di Bergamo Alta, nella nota Piazza Vecchia,, il Caffè del Tasso con la sua signorilità concorre a mantenere alta la qualità turistica del centro cittadino.
Frequentato da sempre da artisti, scrittori, musicisti, al Caffè del Tasso non hanno mancato di sostare personaggi famosi in visita a Bergamo.
Sulle pareti del locale, si possono osservare favolose foto che testimoniano la storia del secolo passato. A partire da quella che ritrae Agostino Pasquinelli, “capobanda” dei 184 volontari bergamaschi che si unirono a Giuseppe Garibaldi, fino a foto raffiguranti il grande Ugo Tognazzi e Senta Berger nel film “Cuori Solitari” del 1970 o Alain Delon con Brigitte Bardot durante le riprese di “Tre passi nel Delirio”.
Bisogna inoltre ricordare le esposizioni di alcune delle grandi opere scultoree dell’artista Giancarlo Defendi che si possono osservare all’interno del locale.
Oggi, il “Tasso” fa parte della catena “Locali Storici d’Italia” che raggruppa caffè, alberghi e ristoranti di antica formazione e di celebrata tradizione, capaci di rinnovarsi mantenendo intatto l’originale fascino.
Il biglietto da visita della città è completato con l’antica bottiglieria che il Caffè del Tasso propone.
Il locale mette, infatti, a disposizione la più raffinata selezione di distillati dai quattro angoli della terra e una scelta fra trecento etichette di vino molto importanti provenienti da tutta Italia e dal mondo.
Lo storico locale ha festeggiato nel 2011, 535 anni di storia, il risultato attuale è il frutto di un giusto equilibrio tra le nuove idee, il rispetto della lunga storia del luogo e un ambiente flessibile e consono al modo proprio di appartenere della famiglia Menalli, che gestisce il caffè dalla fine degli anni ’80, all’insegna dell’eleganza e della qualità , selezionando con particolare attenzione i prodotti serviti.

Oggi il Caffè del Tasso è anche ristorante, dove si possono gustare piatti tipici bergamaschi ma anche ricette della tradizione culinaria italiana.
Le proposte sono scelte e preparate dallo chef Maurizio Bonomi che mette a disposizione la sua esperienza e professionalità.

un’ articolo di Giulia Menalli

 Caffè del Tasso

Piazza Vecchia,3 – 24129 Bergamo Alta

www.caffedeltassso.com – info@caffedeltasso.com

 

 


 

Post a Comment

Questop sito utilizza i Cookie, le impostazioni dei cookie sono impostate su Consenti Cookie Ulteriori informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostate su "Consenti cookie" per darvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se si continua a utilizzare questo sito Web senza modificare le impostazioni dei cookie o fai clic su "Accetto" acconsenti a questo. Cookie Policy I cookies sono piccoli file di testo che vengono depositati sul vostro computer per aiutare il sito a fornire una migliore esperienza utente. In generale, i cookie vengono utilizzati per mantenere le preferenze dell’utente, memorizzano le informazioni per cose come carrelli della spesa, e di fornire dati di monitoraggio anonimi per applicazioni di terze parti come Google Analytics. Come regola generale, i cookie renderanno la vostra esperienza di navigazione migliore. Tuttavia, si può scegliere di disabilitare i cookie su questo sito e su altri. Il modo più efficace per farlo è quello di disabilitare i cookie nel tuo browser. Noi suggeriamo di consultare la sezione della Guida del tuo browser. Più in dettaglio i diversi utilizzi dei cookie sono dunque: Per riempire il carrello della spesa virtuale in siti commerciali (i cookie ci permettono di mettere o togliere gli articoli dal carrello in qualsiasi momento). Per permettere ad un utente il login in un sito web. Per personalizzare la pagina web sulla base delle preferenze dell’utente (per esempio il motore di ricerca Google permette all’utente di decidere quanti risultati della ricerca voglia visualizzare per pagina). Per tracciare i percorsi dell’utente (tipicamente usato dalle compagnie pubblicitarie per ottenere informazioni sul navigatore, i suoi gusti le sue preferenze. Questi dati vengono usati per tracciare un profilo del visitatore in modo da presentare solo i banner pubblicitari che gli potrebbero interessare). Per la gestione di un sito: i cookie servono a chi si occupa dell’aggiornamento di un sito per capire in che modo avviene la visita degli utenti, quale percorso compiono all’interno del sito. Se il percorso porta a dei vicoli ciechi il gestore se ne può accorgere e può migliorare la navigazione del sito.

Chiudi