La poesia “Autentica” di Teresa Capezzuto

“Vi capita mai di avere la sensazione che qualcosa di molto prezioso resti in penombra? Ebbene, a me è capitato di voler mettere in piena luce la poesia, non per vanto, superbia, capriccio, ma spinta da intima necessità di raccontarmi e raccontare un pezzo di identità del mondo attraverso i versi, il più possibile con occhi autentici, senza filtri, puntando all’essenzialità delle cose”.

L’autrice bergamasca Teresa Capezzuto così ci spiega com’è nata l’idea di “Autentica”, che è il titolo della sua raccolta di poesie pubblicata dalla torinese Genesi Editrice a fine giugno 2018. La poetessa è impegnata anche nella narrativa. 

“La poesia per me è vita, persino lettori non abituali e timorosi possono apprezzarla, perché la poesia ha tanto da dire, possiede un grande fascino, una bellezza da esaltare, una forza prorompente, una musicalità disarmante”.

L’amore, la dolcezza, la solitudine, la tristezza, la ricerca di sé e di identità, lo scorrere del tempo, il sorriso allavita, la bellezza della natura, l’inno alla libertà, ma anche il mondo della comunicazione, dei social e dei talent, l’attenzione contro la violenza sulle donne e sulla pari dignità dell’amore omofilo. Persino due dialoghi ispirati efamiliari con Leonardo e Michelangelo.

Un percorso anche nei luoghi, come Bergamo Alta ei suoi colli, il lago d’Iseo o Sebino vestito con l’opera di allestimento creativo The Floating Piers dell’artista Christo. 

Bellissimo è volare sul tappeto magico della poesia autentica, osservare la Terra e l’Italia, così come Samantha Cristoforetti, protagonista della poesia “Cacciatrici di sogni”, ha osservato ogni angolo del pianeta dall’alto della navicella spaziale.

Come reagire alle ingiustizie e al male? In chiusura, con la poesia “Insieme”, l’autrice offre una risposta possibile attraversola testimonianza di Papa Francesco. 

Un’esperienza poetica da leggere e da vivere, dentro le tre sezioni della raccolta “Viaggi”, “Suggestioni” e “(Dis)incanti”, resa con stile garbato e a tratti ironico, in punta di fioretto. In un mondo diparole comunicative, musicali e sonore.

Lo stile è innovativo, con echi del passato classico e insieme proiettato verso il futuro attraverso l’utilizzo di un linguaggio moderno e internazionale. Buona lettura!

Informazioni:

www.teresacapezzuto.it

www.youtube.com/TeresaCapezzutoautrice

Lascia un commento